Pillola sulla fusione 3: Aspetti e adempimenti burocratici

Aspetti e adempimenti burocratici

Data :

6 maggio 2023

Pillola sulla fusione 3: Aspetti e adempimenti burocratici
Municipium

Descrizione

Pillola di Fusione 3

Aspetti e adempimenti burocratici

 

La fusione NON comporterà tanti adempimenti burocratici; molti infatti saranno automatici e il cittadino non dovrà fare nulla. Ecco alcuni esempi:

 

Vie con lo stesso nome

Nei due Comuni ci sono alcune vie con lo stesso nome. Con la fusione NON ci sarà bisogno di cambiare il nome delle vie. Identiche denominazioni, infatti, sono gestibili indicando la località per consentire un’univoca identificazione.

Esempio:

Mario Rossi, Via Stradivari,5–Pieve d’ Olmi, Comune di………;

Mario Bianchi, ViaStradivari,5– San Daniele Po, Comune di…………

(sito di Poste Italiane al link http://www.poste.it/postali/cap.shtml:)

Le poche vie con lo stesso nome nei due Comuni sono:

via Antonio Stradivari

via Guglielmo Marconi

via Po

 

CAP

Nella prassi maturata, i CAP (codici di avviamento postale) sono stati assegnati ai nuovi Comuni, rinviandone la validità alla pubblicazione ufficiale nel sito di Poste Italiane (pubblicazione che finora è avvenuta nei mesi di aprile-maggio dell’anno di istituzione dei nuovi enti).

Nel frattempo, mantengono la loro efficacia i CAP afferenti ai Comuni preesistenti, come prevede anche l'art. 1, comma 129 della legge n. 56/2014 (“Nel nuovo comune istituito mediante fusione possono essere conservati distinti codici di avviamento postale dei comuni preesistenti”).

 

Carta d’Identità e Passaporto

La carta d’identità e il passaporto conservano la loro validità fino alla scadenza, senza alcuna necessità di aggiornare la denominazione del Comune.

 

CNS

La carta regionale dei servizi rimarrà valida fino a scadenza.

 

Patente e libretto di circolazione

La patente di guida e il libretto di circolazione rimangono invariati fino alla scadenza o al primo cambio di residenza, atteso che non si sia in presenza di alcun trasferimento di abitazione; potrebbe essere comunque opportuno che il cittadino sia munito di apposita attestazione comunale circa l’avvenuta istituzione del nuovo Comune.

Se avete dubbi o volete maggiori informazioni rivolgetevi in Comune. Arrivare informati al voto referendario è un vostro diritto, ma anche un dovere.

      Il Sindaco

Attilio Paolo Zabert

Municipium

Contenuti correlati

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli?
2/2
Inserire massimo 200 caratteri
È necessario verificare che tu non sia un robot